CASA E CONSUMI
Libretto famiglia: cos’è
Tempo di lettura: min 2:14
Il Libretto famiglia è uno strumento che serve per retribuire prestazioni di lavoro occasionale.

Si tratta di uno strumento nominativo prefinanziato che permette a persone fisiche (che non esercitano attività professionale o d’impresa) di pagare attività lavorative saltuarie effettuate per proprio conto da lavoratori occasionali. 

Il Libretto è composto da buoni del valore nominale di 10 euro, da utilizzare per retribuire attività lavorative di durata non superiore a un’ora. Viene erogato dall’INPS, previa registrazione dell’utilizzatore e del prestatore sul portale web dell’ente, ed è soggetto a specifici limiti economici. Il Libretto famiglia dal 1° gennaio 2023, con le novità previste dalla Legge di Bilancio 2023, si affianca ai rinnovati voucher lavoro occasionale. Dal primo gennaio 2023 ciascun utilizzatore può erogare compensi di importo complessivamente non superiore a 10.000 euro per anno civile.

Possono acquistare il Libretto famiglia INPS solo le persone fisiche, che non esercitano attività professionale o d’impresa. Non possono usarlo, invece, professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori, associazioni, fondazioni e altri enti di natura privata, e le pubbliche amministrazioni. Gli utilizzatori del libretto di famiglia non devono avere in corso o avere avuto negli ultimi 6 mesi un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa con i prestatori.

Le prestazioni di lavoro occasionale possono essere effettuate da disoccupati, pensionati, lavoratori, studenti e soggetti che percepiscono prestazioni integrative del salario e altri sostegni al reddito. Quindi anche i beneficiari del Reddito di cittadinanza, e delle indennità di disoccupazione NASpI e DIS-COLL possono diventare prestatori. I compensi percepiti dal prestatore non incidono sul suo stato di disoccupato e sono esenti da tassazione ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche.

Con il Libretto di famiglia si possono retribuire le seguenti prestazioni lavorative:
- piccoli lavori domestici, inclusi i lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione;
- assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;
- insegnamento privato supplementare;
- attività svolte dagli steward negli impianti sportivi per conto delle società sportive.

I titoli di pagamento del Libretto di famiglia hanno un valore nominale di 10 euro, mentre l’importo effettivamente corrisposto al lavoratore è pari a 8 euro. Il valore dei buoni, infatti, è così suddiviso:
8,00 euro per il compenso a favore del prestatore;
1,65 euro per la contribuzione ivs alla Gestione separata INPS;
0,25 euro per il premio assicurativo INAIL;
0,10 euro per il finanziamento degli oneri di gestione della prestazione di lavoro occasionale e dell’erogazione del compenso al prestatore.
 
Per usufruirne, o per ulteriori informazioni, sia l’utilizzatore che il prestatore,  possono recarsi negli uffici del nostro patronato.