MALATTIE E MALESSERI
Che cos’è il colesterolo e come ridurlo?
Tempo di lettura: min 3:02

Che cos’è il colesterolo e come ridurlo?


Il colesterolo è una delle componenti della membrana delle cellule ed è presente sia nel sangue e che nei tessuti. Nello specifico esso appartiene alla famiglia dei lipidi.

Se rientra nel range dei normali valori fisiologici, esso è indispensabile per la costruzione di cellule sane. Viceversa se i livelli sono alti, il colesterolo  costituisce uno dei maggiori fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

Infatti il colesterolo in eccesso può determinare la formazione di depositi di grasso nei vasi sanguigni, detti anche placche aterosclerotiche, che a loro volta contribuiscono a restringere la  portata di vene e arterie, provocando infarto e ictus per ostruzione al passaggio del sangue. 

In medicina viene definito “colesterolo alto” o “ipercolesterolemia” un valore di colesterolo totale presente nel sangue superiore a 240 mg/dl.

Occorre però ricordare che i grassi sono importanti per il nostro organismo in quanto trasportano le vitamine liposolubili come ad esempio la vitamina D e contribuiscono a costruire la parete cellulare oltre a fornire la materia prima per la sintesi di molti ormoni come gli estrogeni ed il progesterone.

Ma non tutti i grassi sono uguali e benefici per la salute. Alcuni tipi di grassi hanno un impatto benefico sull’organismo come ad esempio quelli contenuti nell’olio extravergine d’oliva, nei semi oleosi, legumi e così via,  mentre altri grassi come quelli del latte, della carne e delle uova, se assunti eccessivamente si rivelano problematici per la nostra salute.



Come ridurre il colesterolo?


La correlazione fra l’assunzione di grassi “cattivi” e l’insorgere di malattie cardiovascolari come infarto cardiaco, aterosclerosi, ipertensione arteriosa, emorragia, infarto cerebrali e trombosi, è stata approfondita da svariate ricerche e studi medici effettuati in varie parti del mondo.

Alla luce delle scoperte fatte, oggi la medicina afferma con certezza che esiste una relazione tra il consumo eccessivo di grassi animali, il colesterolo e l’alterazione patologica dei vasi sanguigni arteriosi.

Per diminuire il livello di colesterolo nel sangue e limitare l’insorgere di patologie gravi, molte persone riducono notevolmente il consumo di formaggi e di alimenti ricchi di grassi saturi prediligendo invece quelli con grassi insaturi che influiscono positivamente sui livelli di colesterolo.


Conclusione


Secondo i dati Istat le malattie cardiovascolari sono aumentate fino a costituire quasi il 50% delle cause di morte.

Ciò è dovuto principalmente all’alimentazione. Infatti oggi, guardando ad esempio l’Italia,i il consumo di latte è venti volte maggiori rispetto a quelli del decennio 1951-1960 così come è  più elevato il consumo di latticini e carne.

Ciò ha fatto sì che la quantità di colesterolo consumata quotidianamente da ogni italiano è mediamente passata da 183 mg nel biennio 1952-54 a quasi 450 mg ai nostri giorni. 

Questo è il motivo per cui c’è stata un’esplosione delle malattie cardiovascolari scaturite da alti livelli di colesterolo.

Per ridurre il colesterolo nel sangue occorre anzitutto sottoporsi ad una visita medica specialistica ma adottare uno stile di vita e di alimentazione sano aiuta a ridurre il colesterolo.

Occorre prediligere alimenti che contengono proteine e grassi vegetali di buona qualità come i legumi, i semi oleosi, alcune tipologie di pesce (come ad esempio il salmone), limitando estremamente l’assunzione di alimenti ricchi di grassi saturi quali latte e derivati, carne e cibo spazzatura.

Ultimo ma non meno importante è svolgere una discreta attività fisica che aiuta nel contrastare l’insorgere di malesseri e malattie come in questo caso il colesterolo.